• nadiagrotto

IL MIO COLORE

Come ti vesti stasera?

Lo sai che i colori suscitano emozioni?



I colori influenzano moltissimi aspetti della nostra vita.

Pensate ad esempio a come sono in grado di alterare la percezione del nostro cibo; provate ad acquistare dei coloranti alimentari e a tingere il latte di blu e l’aranciata di nero, noterete che la vostra percezione del loro sapore sarà nettamente diversa.

Proviamo repulsione per i cibi dal colore sbagliato anche quando sappiamo bene che le loro proprietà nutritive restano invariate.

L’associazione di certi colori con determinati tipi di cibo inizia già nell’infanzia e viene mantenuta per tutta la vita, ha un importante valore di sopravvivenza perché ci permette di distinguere un cibo sano da uno avariato.

Qualche tempo fa negli Stati Uniti venne condotto un esperimento; venne offerto un pasto a base di bistecca, patatine fritte e piselli, tutti colorati in modo abnorme e serviti in condizione di semioscurità in modo che nessuno potesse rendersene effettivamente conto. Il cibo riscosse un grande successo finchè non vennero accese le luci; la constatazione che la bistecca era azzurra, le patatine verdi e i piselli rossi ebbe effetti dirompenti, quasi tutti furono presi da una violenta nausea.

Il colore ha effetti diretti su sensazioni, stati d’animo e comportamento anche fuori da una sala da pranzo.

Ad esempio una valigia nera viene percepita come più pesante di una identica bianca e alcune sfumature di giallo e verde provocano un profondo senso di nausea, motivo per cui non vengono mai utilizzate negli aeroplani.

Molte prigioni americane hanno le pareti delle celle dipinte di rosa perché trasmette tranquillità ai detenuti, l’azzurro infonde calma e placidità, il verde e il blu concentrazione e benessere, il nero è spesso associato a tristezza e angoscia, il bianco è asettico, il rosso invece accende e stimola all’azione tantè che viene utilizzato per incitare i giocatori di squadre sportive all’attacco.

In moltissimi animali la presenza di una colorazione rossa è legata al livello di testosterone nel sangue e rappresenta un segnale di dominanza. Nell’uomo la rabbia è associata a un arrossamento della pelle mentre la paura genera pallore.

I toni caldi, come le tonalità del rosso, hanno la proprietà di migliorare l’umore, la pressione, la frequenza cardiaca e l’attività muscolare. Quelli freddi come il blu sono utili in caso di ansia, tensione muscolare e ipertensione arteriosa.

Il nostro cervello subisce l’impatto delle diverse tonalità, innescando differenti reazioni chimiche che possono aumentare o diminuire la produzione ormonale stimolando stati d’animo differenti come tristezza o allegria. La percezione dei colori come dotati di specifiche caratteristiche emozionali e la nostra reazione a questi può variare anche in base al nostro umore e può cambiare tra persone diverse. Questa ambiguità è il motivo per cui un singolo colore può suscitare reazioni tanto differenti, quindi emozioni differenti, in persone diverse o anche nello stesso individuo in momenti diversi.


Alla luce di queste evidenze neuroscientifiche… se stasera ti aspetta un appuntamento importante con una persona importante… non vestirti di giallo e verde!


“Ruba tutti i colori del mondo e dipingi la tela della tua vita eliminando il grigio delle paure e delle ansie… abbandona i tuoi vecchi abiti mentali e vestiti di allegria…” (Omar Falworth)


Dott.ssa Nadia Grotto

36 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

INSICUREZZA